#Sanremo2019, classifica e polemiche. Baglioni: “Affidarci solo al televoto? D’accordo”

Scontro tra Ultimo e i giornalisti. Meccanismo di votazione sotto accusa. Anche il direttore artistico ha espresso molti dubbi: “O si sceglie la strada di una giuria ristretta e qualificata come accade per esempio nei festival del cinema, o soltanto una giuria popolare”

Gli ascolti vanno bene, non benissimo, ma la Rai si accontenta. L’ultima puntata del Festival di Sanremo 2019 è stata seguita da 10,6 milioni di spettatori e il 56%, un milione e mezzo e il 2% in meno rispetto all’anno scorso. La vittoria a sorpresa di Mahmood – e soprattutto l’esclusione di Loredana Bertè a cui, dopo la sollevazione del pubblico in sala, oggi verrà consegnato il premio speciale dell’Ariston – ha scosso l’acqua cheta del festival, e soprattutto l’animo di Ultimo. Nella notte della proclamazione, subito dopo il verdetto, in sala stampa Ultimo se l’è presa con i giornalisti. Il motivo? Il televoto aveva proclamato la vittoria del cantante romano, ma le giurie ristrette di giornalisti e “di onore” hanno ribaltato il risultato (per il televoto Ultimo era primo con il 46,5%, secondo Il Volo con il 39,4% e terzo Mahmood con solo il14%, ma le due giuria ristrette hanno ribaltato il risultato). Il giovane cantante non ha gradito: “Avete solo questa settimana per sentirvi importanti e avete rotto”, è sbottato rivolgendosi ai cronisti. “Io punto all’eccellenza, quindi è normale che ci sono rimasto male. È normale che se una persona si crea aspettative e poi non le realizza non è contenta. Le mia vittoria sono i live e le persone che si riconoscono in quello che scrivo”. Ha anche scritto un tweet velenoso che poi è stato cancellato.

Il meccanismo delle votazioni è sotto accusa. Anche Baglioni ha espresso molti dubbi: “Affidarci solo al televoto? Sono d’accordo. Tra chi lavora al festival c’è un atteggiamento timoroso nei confronti della sala stampa. Si pensa che togliere il voto alla sala stampa possa suscitare un sentimento ostile, ve lo dico con franchezza. È una servitù ereditata dal passato. Se Sanremo vuole essere veramente una manifestazione popolare dovrebbe affidarsi solo al televoto. Anche la giuria d’onore è decisa perché si pensa che mettendo qualche faccia televisiva si aumentano gli ascolti. O si sceglie la strada di una giuria ristretta e qualificata come accade per esempio nei festival del cinema, o soltanto una giuria popolare”.

Tornando all’aspetto prettamente artistico, Baglioni si è detto contento che si sia compiuta la favola dell’esordiente che proviene da Area Sanremo e vince addirittura il festival maggiore. La circostanza gli ha fatto ricordare la propria esperienza giovanile quando, ormai scoraggiato, pensava di tornare a studiare architettura proprio nel momento in cui ‘Questo piccolo grande amore’ stava esplodendo. Claudio Bisio si è rammaricato per non essere riuscito a fare “più cose insieme a Virginia, mentre Virginia ha lodato Bisio perché “nonostante l’età, ha conservato un’emozione quasi fanciullesca”.

Il 69.0 Festival si chiude in ogni caso con un bilancio positivo: come ha fatto notare la Rai, la media di età sul podio è stata di 25 anni. Non ho l’età, cantava Gigliola. Adesso ce l’ha.

 

https://www.quotidiano.net/magazine/sanremo-2019-classifica-1.4436353

 

(Visited 14 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *